Il Coaching Umanistico

Scopri cos’è il life coaching umanistico

Un metodo di allenamento delle potenzialità individuali, relazionali e/o organizzative

Nei paesi anglofoni, con il termine coaching si intende il processo di allenamento sportivo. Lo stesso termine e’ stato usato per definire il processo di sviluppo e di “allenamento mentale”. In seguito, e’ stato generalizzato agli aspetti di vita quotidiana (life coaching) e applicato alle perfomance aziendali (executive e corporate coaching, o business coaching). A partire dagli Stati Uniti, il coaching è stato divulgato in Europa ed oggi è diffuso anche in Italia. Viene applicato in tutti gli ambiti ed ha sviluppato diversi orientamenti e approcci.

Il Coaching Umanistico nasce in Italia nell’ultimo decennio dal pionieristico lavoro di Luca Stanchieri e della Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching. E’ un metodo di allenamento delle potenzialità individuali, relazionali e/o organizzative.

La natura del Coaching è eclettica, oltre che sui metodi di allenamento sportivo, edifica le sue fondamenta su varie scienze come la psicologia umanistica e positiva, la filosofia e l’antropologia. Su tali fondamenta teoriche e’ stato effettuato un lavoro applicativo finalizzando tutto ciò al servizio degli obiettivi di sviluppo del potenziale umano, puntando non solo alla soddisfazione di un desiderio o al raggiungimento di un obbiettivo, ma a percorsi creativi di autorealizzazione.

Il Coaching Umanistico ha una nuova visione del Talento, inteso come risultato di un esercizio che sviluppa una competenza eccellente e in armonia con la persona e con la sua e altrui felicità (non necessariamente generata dalla natura, ma sviluppata dall’esercizio). Ha prodotto un nuovo modello di Leadership (Positive Coaching Leadership) e ha costruito un nuovo modello di Orientamento (Il metodo di Orientamento Vocazionale) che risponde al disorientamento dell’attuale società  liquida post-moderna e alla rivoluzionaria “tensione autorealizzativa”.

 Life Coaching

Per tutti coloro che vogliono una vita più soddisfacente, che desiderano un cambiamento, che hanno intenzione di riprogettare il proprio futuro o semplicemente hanno un obiettivo e desiderano essere allenati per raggiungerlo.

Il Life Coaching è un metodo di sviluppo, un percorso di crescita e cambiamento. Attraverso il Life Coaching alleniamo la creatività personale, le potenzialità, le competenze, i punti di forza. Le tre aree di vita su cui si lavora in un percorso di Life Coaching sono le relazioni interpersonali e affettive, l’autonomia, la competenza e la professione. Le sessioni di Coaching possono avvenire individualmente, in gruppo e a distanza.

Vocation Coaching

Per gli adolescenti ma non solo (dagli 11 ai 26 anni),  che puntano alla scoperta e alla realizzazione della propria vocazione in relazione ai propri talenti e alle proprie potenzialità.

Il Vocation Coaching si rivolge ai genitori e a quei giovani che vogliono avere una visione più chiara del proprio futuro e desiderano costruire una base solida per realizzarlo attraverso un percorso che punti soprattutto alla felicità in ogni ambito della propria vita.

Sport Coaching

Per tutti gli atleti professionisti e amatori, ma anche per chi desidera iniziare a praticare uno sport in maniera incisiva, lo Sport Coaching offre un sostegno ulteriore all’allenamento fisico. In qualità di istruttore di arti marziali, con lo Sport Coaching di stampo umanistico punto ad aumentare le possibilità di migliorare la perfomance attraverso allenamenti mentali che rafforzino la determinazione, la resilienza e l’autoefficacia.

Dad Coaching

Un coaching specifico per i papà, per migliorare il rapporto con i propri figli e per conoscere al meglio il proprio ruolo di genitore in una società liquida come quella odierna dove i confini sono sempre più labili e spesso ci si sente spaesati e pieni di responsabilità. Il Dad Coaching sostiene la figura del padre per creare un rapporto genitore-figli sempre più sereno.

Per saperne di più

La natura del Coaching è eclettica, oltre che sui metodi di allenamento sportivo, edifica le sue fondamenta su varie scienze come la psicologia umanistica e positiva, la filosofia e l’antropologia. L’approccio teorico-metodologico fonda le sue radici e si ispira a quella corrente filosofica diversificata che va dall’Antica Grecia al Rinascimento, a filosofi moderni come Hume o di frontiera come Sloterdjik.

Su tali fondamenta teoriche e’ stato effettuato un lavoro applicativo finalizzando tutto ciò al servizio degli obiettivi di sviluppo del potenziale umano. Stanchieri e il suo team di collaboratori, ha sperimentato sul campo un’antropotecnica (la tecnologia dello sviluppo umano) fondata su una concezione aretologica (lo studio delle virtù come matrici di potenzialità) capace di allenare le risorse in un processo di elevazione “verticale”. Puntando non solo alla soddisfazione di un desiderio o al raggiungimento di un obbiettivo, ma a percorsi creativi di autorealizzazione.

Il metodo si avvale di costrutti teorico-pratici rielaborati e utilizzati nel processo di allenamento della persona. Tra i principali cardini troviamo le 24 potenzialita’ scoperte da Seligman e Peterson (Strengths of Character della Psicologia Positiva) che diventano nel lavoro di coaching strumenti per lo sviluppo delle competenze e per la massima espressione del talento. Il contributo della psicologia umanistica di Maslow e Frankl; la teoria dell’autodeterminazione ispirata dalle opere di Deci e Ryan, la teoria delle motivazioni di McClelland, le concezioni di “felicità”.

Il Coaching Umanistico, pur avendo dei punti in comune, si differenzia dal Coaching Performativo e dalla Programmazione Neurolinguistica (PNL), con entrambi condivide la risoluzione dei problemi in chiave maieutica, attraverso una relazione non direttiva, dove la situazione problematica e/o l’obiettivo desiderato vengono posti dal cliente.

“Il coaching non sarebbe mai potuto nascere senza un dialogo, un confronto, un intreccio fra le varie discipline: storia delle idee, scienza dello sport, filosofia, psicologia, sociologia, economia, letteratura, arte. Lo stesso approccio di coaching, l’allenamento del potenziale umano, non sarebbe mai stato possibile senza quella corrente di pensiero che definiamo umanesimo, e che, preparando il rinascimento, ha rimesso al centro della sua riflessione l’essere umano e lo studio dei classici. Il coaching dunque e’ un’idea originale che ha radici profonde, diversificate, eclettiche, accomunate da una certa concezione dell’essere umano in rapporto ai suoi contesti.” (L. Stanchieri).